top-a

WhatsApp Image 2020 02 12 at 21.38.27

top-c

FIDAL

Milano, martedì 30 maggio 2023

Veste la casacca dell’Atletica Riccardi Milano 1946 solo da questa stagione ma ha dato enorme dimostrazione delle proprie potenzialità. Daniele Leonardo Inzoli, 14 anni (saranno quindici il 12 agosto), vive in una famiglia in cui l’atletica è sempre stata di casa: mamma Danielle (che lo segue sempre con grande passione assieme a papà Angelo) è stata un’ottima atleta in Camerun, il suo Paese d’origine, e il fratello maggiore Francesco, tre anni e mezzo in più, necessita di ben poche presentazioni (un bronzo nel lungo e un oro nella staffetta 100+200+300+400 agli Europei Under 18 2022, due titoli italiani nel lungo tra le categorie Cadetti e Allievi, attualmente si allena a Firenze con Gianni Iapichino). Daniele, dal canto proprio, al primo anno Cadetti nel 2022 aveva già dimostrato il proprio valore, con un personale nel lungo da 6.90 e il titolo italiano di categoria vinto a Caorle (Venezia): negli ultimi tre mesi però è letteralmente esploso su più fronti.Daniele Inzoli Giada Mingiano Bergamo 2023

Il 25 febbraio a Saronno (Varese) atterra a 6.78 nel lungo in una gara indoor: nessun cadetto nella storia dell’atletica italiana era mai arrivato così lontano in sala (il limite precedente era 6.74 di Lorenzo Dallavalle). Il 22 aprile a Bergamo un boato fragoroso sui 300m ostacoli: all’esordio assoluto nella specialità Daniele corre in 38”14, nuovo record italiano di categoria migliorando di 19/100 il vecchio primato di Riccardo Ganz. Il 6 maggio a Canegrate (Milano) Inzoli è il primo under 16 lombardo a scendere sotto i 9”00 sugli 80m piani: con 8”97 diventa l’ottavo cadetto italiano della storia e batte il record regionale di Sergio Riva (9”05) che durava dal 1998. Infine, il 21 maggio a Villasanta (Monza Brianza), eccolo atterrare a 7.14 nel lungo all’aperto: un salto secondo in Italia solo al fantascientifico 7.52 di Andrew Howe a Fano 2000, nuovo primato regionale Cadetti e nuovo record Under 16…di famiglia, visto che entrambi i precedenti appartenevano a Francesco Inzoli con il 7.11 del 2020. Nel frattempo, Daniele, seguendo le indicazioni di coach Giada Mingiano, si disimpegna pure nell’alto (1.86) e nei 300m piani (36”78 pur reduce da uno stato febbrile): in tutte e cinque le specialità affrontate outdoor si tratta del nuovo primato sociale Cadetti, sugli 80m piani strappato a un certo Filippo Tortu (9”09 nel 2013).

Daniele, la tua primavera finora è stata davvero all’insegna dell’eclettismo: ma tra velocità, ostacoli, lungo e alto…qual è la tua specialità preferita?

«Il lungo mi emoziona da quando sono bambino. Mio fratello Francesco mi ha ispirato, poi mi è sempre piaciuta un sacco la fase di volo e la sensazione che si ha in quel momento. Quest’inverno a inizio preparazione ho avuto un po’ di problemi e così con Giada abbiamo “rispolverato” altre specialità. L’alto è una prova che mi piace molto in allenamento. La velocità è la specialità base per andare bene non solo nel lungo ma un po’ dappertutto o quasi nell’atletica: i 100 metri sono considerati la gara principe dell’atletica leggera, ho sempre ammirato i centometristi. Lo sprint è un settore in cui c’è tanta concorrenza e ci sono tanti avversari che fanno solo quello senza spaziare altrove. La velocità ha un difetto: il rischio di infortuni più elevato».

E gli ostacoli?

(ride, ndr) «Sono sempre stato convinto fossero la cosa peggiore dell’atletica, ma li ho provati in allenamento per i “tre acca” e mi sono piaciuti. Il record? Mi aspettavo un bel tempo, dubitavo un po’ della tenuta».

Hai avuto in casa una forte fonte di ispirazione: raccontaci come hai iniziato.

«Ho iniziato a fare atletica a sei anni, ma ho a lungo praticato nel contempo altri sport: tennis, basket e pure calcio, disciplina che giocavo sino a un paio di anni fa con gli amici. Ho variato tanto per capire cosa mi piacesse di più. Francesco è stato un punto di riferimento fondamentale: mi motiva a dare il meglio di me stesso e fino a quando ci siamo allenati assieme, con Rosa Anibaldi con il supporto tecnico di Giancarlo De Dionigi, mi ha sempre dato consigli preziosissimi, soprattutto quando lui era fermo per qualche intoppo fisico».

Alla Riccardi, con la guida appassionata del presidente Sergio Tammaro e di tutto il suo staff, sei passato nel gruppo di allenamento di Giada Mingiano, che nel lungo ha portato due anni fa Lorenzo Cagliero alla finale europea Under 20: come ti trovi?

«Il gruppo è tutto nuovo e mi trovo molto bene. Giada è molto brava ad allenare la tecnica e mi sta aiutando a crescere dando tempo anche al mio fisico di crescere: lavoriamo molto più sulla qualità che sulla quantità».

Al di fuori della pista e delle pedane…chi è Daniele Inzoli?

«Mi piace molto seguire vari sport: i motori, la Formula Uno e la MotoGp, hanno fatto nascere in me lo spirito sportivo quando ero piccolo, sulle quattro ruote tifo per la Ferrari e per Lewis Hamilton. Mi piace anche seguire il basket e il calcio: la mia squadra del cuore è l’Inter. Mi piace poi molto disegnare a mano libera: panorami naturali, case, ritratti. A scuola frequento il primo anno al liceo Gonzaga».

A proposito di scuole, nel 2022 vincesti il trofeo “il Ragazzo più veloce di Milano” sugli 80m piani raggiungendo pure la finale della “Leva del Mezzofondo” sui 1000m: che ricordo hai di queste due manifestazioni organizzate dalla Riccardi?

«Molto bello: mi sono divertito e ho potuto mostrare ai miei amici della scuola anche cosa sia l’atletica e cosa si provi nel gareggiare».

Emozioni in pista Daniele ne ha già provate: anche sprintare con Marcell Jacobs (peraltro finendo davanti a lui) quando l’olimpionico dei 100m fu ospite di un raduno FIDAL Lombardia lo scorso 21 settembre all’Arena. Il meglio però deve tutto ancora arrivare, a partire già da questa domenica (4 giugno) quando Inzoli tornerà a vestire i colori della rappresentativa lombarda per il Memorial Pratizzoli a Parma assieme a un altro ragazzo della Riccardi, il mezzofondista Thomas Colombo, allievo di Luca Lo Cascio, convocato per i 1000m. Parma, ovvero dove, lo scorso anno, centrò la prima vittoria importante della sua giovanissima carriera.

Daniele Inzoli Caorle 2022 salto home

Flash News

  • Super Mario agli Europei di Roma con Ale Sibilio

    Leggi tutto...  
  • Maggio Mese di Record Mondiali (e Sociali)

    Leggi tutto...  
  • L’Arena Incorona i Più Veloci e i Più Resistenti di Milano

    Leggi tutto...  
  • All'Arena 161 Batterie per il "Ragazzo più Veloce"!

    Leggi tutto...  
  • Una Raccolta Fondi per Ricordare Patrizia

    Leggi tutto...  
  • Rimani aggiornato a tutte le iniziative di Atletica Riccardi !!

    Leggi tutto...  
  • Super Mario Lambrughi Record sui 300 Ostacoli!

    Leggi tutto...  
  • "Ragazzo più Veloce" e "Leva": il Meglio di Assago

    Leggi tutto...  
  • “Ragazzo Più Veloce” e “Leva del Mezzofondo” al Via!

    Leggi tutto...  
  • Atletica Riccardi e Riccardi Academy Insieme in Pista!

    Leggi tutto...  

5xmille

Ricordati che è sempre possibile donare il 5 per mille all’Atletica Riccardi Milano 1946!

Esprimete la vostra scelta in favore della nostra società: basta inserire questo codice fiscale 80143690156.

clicca qui

 

 

I nostri partner

22

Contatti

Segreteria Viale Repubblica Cisalpina 3 - 20154 - Milano
Orari Da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19.
Telefono 02 33103998 e 391 7382833
E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 Partita IVA  07287450154
Codice Fiscale 80143690156
QR_Riccardi.png