top-a

WhatsApp Image 2020 02 12 at 21.38.27

top-c

FIDAL

Milano, giovedì 2 dicembre 2021

L’Italia la scorsa estate ha scoperto d’essere la nuova roccaforte della velocità: anche i “ragazzi più veloci di Milano” sono pronti a tornare in scena nel 2022. Il Trofeo “il Ragazzo e la Ragazza più Veloci di Milano” è uno dei fiori all’occhiello dell’Atletica Riccardi Milano 1946, storica società milanese di atletica leggera che a una realtà agonistica di alto livello (solo per citare tre cifre: 113 atleti portati alle Nazionali italiane e 179 titoli tricolori vinti, dei quali ben 48 nelle staffette, gare simbolo dello sprint) da sempre affianca un impulso promozionale importante del quale  “il Ragazzo e la Ragazza più Veloci” è la manifestazione-simbolo.

Nella primavera dell’anno prossimo il trofeo tornerà in calendario perseguendo un obiettivo che il sodalizio presieduto da Sergio Tammaro e contraddistinto da tre quarti di secolo dalle maglie verdi inseguiva già dal 2020, quando il Covid cancellò la rinascita della rassegna: far correre (veloce) gli alunni e le alunne delle scuole medie di Milano e hinterland come già fatto in 38 precedenti edizioni (l’ultima nel 2017).

La 39esima edizione del Trofeo “il Ragazzo e la Ragazza più Veloci di Milano”, organizzata in collaborazione con l’Ufficio scolastico territoriale di Milano e con il patrocinio della Federazione Italiana di Atletica Leggera (Comitato Regionale Lombardo e Comitato Provinciale di Milano) e della delegazione CONI di Milano, vedrà in gara alunni e alunne nati nelle annate 2008, 2009 e 2010: i nati nel 2009 e nel 2010 correranno la distanza dei 60 metri, mentre i nati nel 2008 si cimenteranno sugli 80 metri.   La fase eliminatoria avrà tre sessioni di gara (ogni studente potrà cercare la qualificazione in una di esse): martedì 29 marzo 2022 al Campo Sportivo Giuriati di Milano, lunedì 4 aprile 2022 all’MC2 Sport Village di Assago e mercoledì 27 aprile 2022 all’Arena Civica Gianni Brera di Milano. Gli autori dei migliori 32 tempi per ogni  anno di nascita accederanno alla semifinale, in programma al pari della finale mercoledì 11 maggio 2022 all’Arena.

Dal 1975 (anno in cui vide la luce) a oggi sono decine di migliaia i ragazzi delle scuole medie che si sono confrontati sulla pista dell’Arena di Milano a caccia dell’ambito titolo: tutti si sono divertiti e hanno provato il brivido di una volata su una pista di atletica, sognando magari di diventare Pietro Mennea o Carl Lewis o Usain Bolt, qualcuno ha pure scoperto di avere grandi doti. In questa stagione sogneranno certo di diventare Marcell Jacobs oppure Filippo Tortu: proprio l’ultimo frazionista del quartetto azzurro oro olimpico a Tokyo prese parte tre volte (tra il 2010 e il 2012) al “Ragazzo più Veloce di Milano”, risultandone due volte vincitore e una volta secondo.

L’elenco di coloro che hanno scoperto di poter essere campioni con una volata durante il Ragazzo più veloce di Milano è molto ricco e qualificato: Andrea Colombo, finalista ai Giochi Olimpici di Sydney 2000 con la staffetta 4x100;  Lorenzo La Naia, quinto ai Mondiali Juniores di Kingston con la 4x100; Manuela Grillo, sesta con la 4x100 ai Campionati Europei di Monaco di Baviera 2002; Andrea Nuti, sesto con la staffetta 4x400 alle Olimpiadi di Barcellona 1992; Alessandro Orlandi, terzo agli Europei Juniores di Salonicco 1991 sui 100 metri; Giacomo Tortu, fratello maggiore di Filippo, che in maglia azzurra ha raggiunto una prestigiosa finale sui 200 agli Europei Under 23 2015.

FOTO di Mario Grassi: qui sotto Filippo Tortu in azione nell'edizione 2012; in basso la finale degli 80 metri femminili (classe 2003) dell'edizione 2017. 

80 2012 filippo tortu IMG 7611

Vinc RV2017 Arrivo f 2003

Flash News

  • Chiusura Estiva e Riapertura della Segreteria

    Leggi tutto...  
  • Ale Malvezzi: Conosciamo il 114° Azzurro della Riccardi!

    Leggi tutto...  
  • Lambrughi e Polanco ai Mondiali di Eugene

    Leggi tutto...  
  • Juniores: Malvezzi Bronzo e uno Storico Record

    Rieti, domenica 10 luglio 2022

    Ai Campionati Italiani Juniores di Rieti la Riccardi si conferma super scuola di velocità. In una giornata difficilissima per il vento estremamente mutevole Alessandro Malvezzi coglie nei 100m il primo podio tricolore individuale in carriera, dopo i due ori conquistati agli Assoluti (2021 e 2022) nella staffetta 4x100. Alessandro Malvezzi SF Rieti 2022 arrivoNel primo turno, in una batteria avversata da un forte vento contrario (-3.6 m/s), l’allievo di Andrea Meloni si prende il passaggio del turno con la seconda posizione dietro al campione italiano Juniores dei 60m indoor Yassin Bandaogo con un “tranquillo” 11”29. È in semifinale che Malvezzi gioca a carte scoperte, in condizioni di vento se possibile ancora più complicate (l’anemometro dice -0.9, ma Eolo spira molto forte trasversalmente): Alessandro dalla corsia 1 vince in 10”77 battendo sia Bandaogo sia il finalista mondiale della 4x100 Angelo Ulisse. Lo scenario del vento (tutt’altro che caldo) è identico anche in finale (-1.4): vince per distacco Alessio Faggin (10”44) e Malvezzi è terzo con 10”64, a 12/100 dal primato personale. Malvezzi non è però l’unico velocista in maglia verde in finale: in una stagione partita in sordina (ma che l’ha portato al PB a 10”77) Mattia Italo Arnaboldi vive la giornata più fulgida correndo tutti e tre i turni. L’allievo di Giada Mingiano supera le batterie con un bel 10”91 controvento (-1.0) che vale il terzo posto nella propria eliminatoria, poi in semifinale agguanta il passaggio del turno con il secondo posto a 11”00: il meglio deve però ancora arrivare, con una finale chiusa al sesto posto in 10”85, a 8/100 dal PB nonostante il vento in faccia. Sempre nei 100m sfortunato Daniele Pagani, allenato da Max Dentali: nelle batterie cade sul traguardo, subisce un piccolo infortunio ed è il primo escluso dalle semifinali con 10”97 (fuori per 2/100). Anche sui 200m Andrea Bernardi non è molto fortunato: la sua purtroppo è l’unica batteria con vento contrario (-1.0) e con 21”92, a un solo centesimo dal PB, è il primo escluso dalla finale, per una Riccardi che piazza comunque ben tre velocisti nelle top ten tricolori della velocità.

    Da queste premesse non poteva che uscire una grande staffetta: la 4x100, con Mattia Italo Arnaboldi al lancio, Andrea Bernardi in seconda frazione, Alessandro Malvezzi in terza e Matteo Luca Cagliero a chiudere centra un grandissimo risultato anche al di là dell’argento molto vicino alla Sisport campione d’Italia. Di fronte al presidente Sergio Tammaro, al vicepresidente Rino Darsena, ai dirigenti Marina Galimberti, Mary Greenhill, Gesuino Arnaboldi e Fabio Bernardi e al fisioterapista Davide Tironi i quattro ragazzi siglano un tempo da 41”15: viene cancellato uno storico record sociale Juniores stabilito con 41”24 a Milano nel lontano con la firma di due atleti arrivati all’azzurro quali Andrea Benatti e Alessandro Orlandi e da Alessandro Villa e Claudio Geccherle. Chapeu!

    Dopo un infortunio, l’indomani dell’esame orale di maturità e con pochissimi allenamenti nelle gambe Lorenzo Cagliero torna in pedana nel salto in lungo: nonostante tutto agguanta un ottavo posto (6.93) che non rappresenta certo le sue potenzialità ma che la dice lunga sul valore tecnico in prospettiva dell’azzurro numero 113 della Riccardi.

    FOTO Grana/FIDAL: in home la premiazione dela 4x100, a fianco Alessandro Malvezzi, qui sotto Mattia Arnaboldi. 

    Nella foto più in basso tutta la delegazione della Riccardi. 

     

    Mattia Arnaboldi 100 Rieti 2022

     

    Riccardi gruppo Rieti Juniores 2022

     
  • Lambrughi Azzurro e Quinto ai Mediterranei

    Leggi tutto...  
  • Assoluti: Super Mario Bis, la 4x100 fa 50!

    Rieti, lunedì 27 giugno 2022

    Super Mario Lambrughi fa il bis, la staffetta veloce sale sull’ottovolante. Sono Campionati Italiani Assoluti di altissimo livello per l’Atletica Riccardi Milano 1946 a Rieti, guidata dal presidente Sergio Tammaro e dal vicepresidente Rino Darsena e con uno staff di prim’ordine, che oltre ai tecnici sociali comprende anche il fisioterapista Davide Tironi di VioStudio, la cui professionalità è estremamente apprezzata dalle maglie verdi. La Riccardi sale a quota 182 titoli italiani, ma a Rieti i numeri sono assolutamente fantastici: sette presenze-gara, sei ingressi in finale, 4 medaglie con due ORI, un ARGENTO e un BRONZO, 3 nuovi primati sociali, 3 primati personali, 5 primati stagionali e la quarta posizione finale (primo club civile) in Coppa Italia.

    SUPER MARIO - Mario Lambrughi vince a Rieti il proprio secondo titolo italiano Assoluto della carriera (dopo Padova 2020) prendendosi d'autorità l'oro  dei 400m ostacoli: dopo il 50”76 in pieno controllo della batteria in finale Mario domina con 49"22, a 19/100 dal primato stagionale e a 23/100 dal PB. Per la Riccardi è il tricolore numero 182 della sua storia, per Mario (allievo di Simone Vimercati) è il sigillo sull’imminente ritorno in azzurro.

    4x100 -  Dici “Riccardi” e pensi alla staffetta 4x100: il parallelismo si conferma anche a Rieti. Milano 1955, Milano 2009, Torino 2011, Milano 2013, Rieti 2016, Pescara 2018, Rovereto 2021 e ora Rieti 2022: sono i successi tricolori Assoluti della Riccardi nella staffetta veloce. Otto sono infatti i titoli italiani Assoluti vinti in staffetta 4x100:  mai però il trionfo era arrivato ex aequo. È infatti un oro con il “brivido” per i nostri ragazzi, oltre a essere una vittoria storica perché sancisce il 50esimo titolo italiano della Riccardi in una staffetta!  Ruskin Molinari, Simone Tanzilli, Alessandro Malvezzi e Wanderson Polanco corrono nella seconda serie in 40"26, primato stagionale e stesso tempo dell’Atletica Biotekna in prima serie: la festa però è tutt’altro che dimezzata. Per Tanzilli è il terzo oro in staffetta (dopo 2016 e 2021): terzo successo anche per Polanco (dopo 2018 e 2021), secondo oro (a nemmeno 19 anni!) per Malvezzi (dopo Rovereto 2021) e prima vittoria per Molinari: a disposizione anche, come riserva, Mattia Arnaboldi.

    WANDERSON IN FORMA MONDIALE – Nessuno ha corso più di lui a Rieti: oltre all’oro della 4x100 Wanderson Polanco coglie un prestigioso piazzamento nei 100m e soprattutto il primo podio tricolore Assoluto in carriera e il nuovo record sociale nei 200m. Sui 100m abbassa lo stagionale a 10"31 in batteria (un decimo sopra al PB) e poi in finale corre 10"32 (controvento) per giungere quinto  alle spalle solo, tra gli altri, di tre olimpionici della 4x100 a Tokyo (Jacobs, un velocista nato in Riccardi come Filippo Tortu e Patta). Il capolavoro arriva sui 200m: arriva subito un tempo sotto i 21” in batteria con 20"94; in finale lo sprinter seguito sul campo a Cagliari da Andrea Atzeni  si supera e stampa 20"66 per togliere ben 19/100 al personale e cogliere un fantastico argento. Non solo: per 4/100 Polanco toglie al compagno di trionfo in staffetta Simone Tanzilli (in batteria decimo in 21"16, a 8/100 dallo stagionale a a 9/100 dalla finale) il record sociale Assoluto della distanza.

    E LA 4x400 NON È DA MENO – Staffetta veloce campione d’Italia, ma volete che la staffetta del miglio stia a guardare? Stefano Grendene, Amedeo Perazzo, Mario Lambrughi e Andrea Romani sono medaglia di bronzo nella 4x400: è un risultato che vale una standing ovation ben oltre il piazzamento acquisito. Basta guardare il tempo: 3'08"07, record sociale Assoluto, quasi 3" in meno del precedente al 3'10"83 siglato l'8 luglio 2001 (quasi 21 anni fa, erano Assoluti pure in quel caso) a Catania da Mariani, Agrillo, Tomanelli e capitan Saraceni.

    È un grande weekend pure per Stefano Grendene, che sui 400m piani individuali in batteria toglie 34/100 al personale per qualificarsi per la finale con 46"57, nuovo record sociale Promesse (battuto il 46"60 di Vito Petrella che resisteva dal 1987!) e crono che lo porta al secondo posto delle graduatorie sociali all time alle spalle solo del 46"37 di Mario Lambrughi: in finale sarà sesto con un altro ottimo crono, 46"75.

    L’estate è iniziata da poco ma per la Riccardi è già caldissima (e non per il clima).

    FOTO Grana/FIDAL: in home e qui sotto Mario Lambrughi, più in basso Wanderson Polanco, la 4x100 campione d'Italia (da sinistra: Tanzilli, Molinari, Polanco e Malvezzi) e la premiazione della 4x400 (da sinistra: Romani, Grendene, Lambrughi, Perazzo). 

    Mario Lambrughi Rieti 2022 ostacolo

    Wanderson Polanco Rieti 2022 corsa

    4x100 M Riccardi Assoluti Rieti.2022

    4x400 M Riccardi Rieti 2022 podio

     
  • Dopo il Challenge, Tricolori Assoluti a Rieti!

    Leggi tutto...  
  • Comunicazione ai Sensi della Legge 124/2017 per il 2021

    Leggi tutto...  
  • Promesse: Grendene, un Giro Tutto d’Oro ai Tricolori

    Leggi tutto...  
  • Da un Super Maggio al Challenge di Firenze

    Leggi tutto...  

5xmille

Ricordati che è sempre possibile donare il 5 per mille all’Atletica Riccardi Milano 1946!

Esprimete la vostra scelta in favore della nostra società: basta inserire questo codice fiscale 80143690156.

clicca qui

 

 

I nostri partner

2

Fornitura tecnica

Contatti

Segreteria Viale Repubblica Cisalpina 3 - 20154 - Milano
Orari Da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19.
Telefono 02 33103998 e 391 7382833
E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.