top-a

WhatsApp Image 2020 02 12 at 21.38.27

top-c

FIDAL

Riportiamo quanto appena apparso su Fidal.it:

L’atleta Jamel Chatbi, tesserato per l’Atletica Riccardi, in possesso dei requisiti per la partecipazione ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro secondo i criteri stabiliti dal Consiglio federale, ed indicato dalla FIDAL al CONI per la convocazione in azzurro nella manifestazione, è incorso in un cosiddetto “missed test”, il terzo nel corso degli ultimi dodici mesi.

In tal proposito, CONI e FIDAL, di comune accordo, dichiarano quanto segue:

  • pur non essendo completato il giudizio relativo alla suddetta infrazione;
  • pur riconoscendo all’atleta il diritto ad una piena difesa nel merito della contestazione;
  • considerata la prossimità della scadenza olimpica;

ritengono non opportuna una convocazione dell’atleta nella selezione nazionale che affronterà i Giochi di Rio.  

 

NOTA DELLA SOCIETÀ SU JAMEL CHATBI - L’Atletica Riccardi Milano 1946 apprende con sgomento che un proprio tesserato, Jamel Chatbi, è stato ritenuto non idoneo a vestire la maglia azzurra per non essere risultato reperibile a tre controlli antidoping a sorpresa effettuati nel luogo e nella fascia oraria da lui indicati e che di conseguenza non potrà prendere parte ai Giochi Olimpici.

L’Atletica Riccardi Milano 1946, oltre a condannare fermamente ogni pratica atta a migliorare artificialmente le prestazioni sportive, ritiene necessarie e fondamentali per la lotta al doping le rigide procedure in vigore per i test a sorpresa e stigmatizza nel modo più deciso la mancanza di professionalità evidenziata da una situazione come quella contestata a Jamel Chatbi, dal quale non è peraltro mai giunta in società comunicazione diretta del proprio terzo “missed test”.

La Riccardi 1946 ha fatto della pulizia, dell’integrità e dei valori tre cardini della propria attività da 70 anni a questa parte: tra questi valori c’è anche il perdono e in questa prospettiva l’allora presidente Renato Tammaro e l’attuale presidente Sergio Tammaro scelsero di tesserare Chatbi nel 2012 al rientro da tre anni di squalifica per doping.

La Riccardi augura ovviamente al proprio atleta di poter chiarire al meglio la vicenda che lo riguarda e ritiene che abbia in ogni caso diritto a una piena difesa nel merito della contestazione: in caso di successiva condanna da parte del Tribunale Nazionale Antidoping la società interromperà comunque qualsiasi rapporto con Jamel Chatbi.

Flash News

5xmille

Ricordati che è sempre possibile donare il 5 per mille all’Atletica Riccardi Milano 1946!

Esprimete la vostra scelta in favore della nostra società: basta inserire questo codice fiscale 80143690156.

clicca qui

 

 

I nostri sponsor e partner

                      con il contributo di:

Loco75 Logo Nav 1

Fornitura tecnica

Contatti

Segreteria Viale Repubblica Cisalpina 3 - 20154 - Milano
Orari Da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19. Solo su appuntamento la mattina.
Telefono 02 33103998 e 391 7382833
E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.