top-a

WhatsApp Image 2020 02 12 at 21.38.27

top-c

FIDAL

Ancona, domenica 23 febbraio 2020

Wanderson Polanco Max Ferraro Ancona 2020 medagliaNon poteva mancare una medaglia dallo sprint nell’inverno dei Campionati Italiani indoor per l’Atletica Riccardi Milano 1946: nel contesto più prestigioso, la rassegna tricolore Assoluta indoor, ne arrivano addirittura due. Per i colori verdi i 60 metri piani del Campionato Italiano Assoluto indoor 2020 sono una volata da ricordare: Massimiliano Ferraro è d’argento, Wanderson Polanco conquista il bronzo, ma a trionfare è Filippo Tortu (Fiamme Gialle), atleta nato agonisticamente in Riccardi; con Giovanni Galbieri (CS Aeronautica) quinto a pari tempo con il quarto (Roberto Rigali) ci sono addirittura quattro atleti della Riccardi di oggi o di ieri (ultima società civile prima di passare in un gruppo sportivo militare) nelle prime cinque posizioni.

Ma andiamo con ordine. Max Ferraro arriva ad Ancona con un primato stagionale da 6”65 e da due partecipazioni prestigiose ai meeting di Dortmund (Germania) e Glasgow (Scozia): la Riccardi Milano 1946 al via della distanza più breve schiera altri due allievi di Alessandro Nocera, entrambi al debutto stagionale, ovvero Wanderson Polanco e Diego Marani, al ritorno in gara con la maglia verde (anche al di fuori del contesto dei Societari Assoluti) dopo nove anni nelle Fiamme Gialle. Pronti, via: sono subito grandi volate. Nella prima batteria (i turni sono tre) Ferraro si beve già un “aperitivo” di qualità poco prima di mezzogiorno correndo in 6”73 e precedendo Galbieri (6”83). Miglior tempo del turno, a pari merito con Filippo Tortu che corre nella quarta: e quando parliamo di parità alludiamo a un autentico ex aequo visto che entrambi siglano 6”726 con l’apprezzamento dei millesimi. Nella volata di Tortu corre pure Diego Marani: con la quarta piazza a 6”90 il mantovano stacca uno dei quattro tempi di ripescaggio, lui che è un gran duecentista. In mezzo c’è il debutto di Wanderson Polanco: è un signor esordio visto che “Wonderson” si prende il successo nella seconda batteria con 6”80.

Si passa alle semifinali alle quattro del pomeriggio: due le volate previste, con Ferraro nella prima (con Galbieri) e Polanco e Marani nella seconda (con Tortu). Massimiliano Ferraro vince ancora: 6”72. Con lui esulta anche Galbieri che entra in finale con la seconda piazza a 6”80: corre pure un altro ex Riccardi come Giovanni Tomasicchio, ancora capace di 6”92 (e 6”87 in batteria) a 37 anni. Nella seconda Tortu si impone in 6”71: in finale entra anche un convincente Wanderson Polanco, che si migliora a 6”76 ed è secondo; purtroppo Diego Marani è squalificato per falsa partenza.

Si va alla finale con un lane up idealmente “verdissimo”: Ferraro in corsia 3, Tortu in corsia 4, Galbieri in corsia 5, Polanco in corsia 6. Massimiliano Ferraro ha una carta importante da giocare sul tavolo tricolore: la partenza. Il campione italiano Assoluto 2017 se la gioca al meglio: una partenza da urlo lo proietta al comando, con Filippo Tortu costretto a inseguire. Il brianzolo effettua il sorpasso poco prima dei 50 metri e si prende l’oro: per Tortu è il secondo titolo italiano sui 60 metri piani indoor dopo la vittoria da allievo nel 2014 con i colori della Riccardi. Tortu corre in 6”60, Massimiliano Ferraro è argento in 6”66, a 1/100 dal season best: anche il bronzo va alla Riccardi con Wanderson Polanco, autore di 6”77 e terzo nella rassegna per il secondo anno di fila. Giovanni Galbieri è quinto in 6”80.

Una finale ad Ancona la corre pure il capitano, Ivan Mach di Palmstein. Ivan si presenta nei 60 metri ostacoli con il quinto tempo stagionale: la sfida tricolore si sviluppa su soli due turni e Ivan supera le batterie con la seconda piazza a 8”06 nella prima eliminatoria. Nella finale Mach di Palmstein corre in corsia 8: è una volata “pazza”, con Mattia Montini in corsia 6 che (dopo un infortunio) travolge un ostacolo e colpisce i “vicini”, sia Francesco Ferrante sia Ivan, colpito addirittura dalla lista in plastica centrale della barriera. «Sono cose che negli ostacoli accadono» ha spiegato con grande sportività e realismo il capitano, che nonostante l’intoppo è quarto con 8”07. In pedana va invece Federico Biancoli: l’astista, al ritorno ai tricolori dopo un altro serio infortunio (chapeau!), supera 4.65 e poi non riesce a valicare il primato stagionale a 4.85 chiudendo 14esimo.

I PIAZZAMENTI DELL’ATLETICA RICCARDI MILANO 1946 AI CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI INDOOR (Ancona, 22-23 febbraio 2020)

60m piani M: 2° Massimiliano Ferraro 6”66, 3° Wanderson Polanco 6”77 (semifinale: 6”76), 16° Diego Marani DQ (batteria: 6”90).

60m ostacoli M: 4° Ivan Mach di Palmstein 8”07 (batteria: 8”06).

Asta M: 14° Federico Biancoli 4.65.

Massimiliano Ferraro Filippo Tortu Wanderson Polanco Podio Ancona 2020

 

Wanderson Polanco Ancona 2020

Flash News

5xmille

Ricordati che è sempre possibile donare il 5 per mille all’Atletica Riccardi Milano 1946!

Esprimete la vostra scelta in favore della nostra società: basta inserire questo codice fiscale 80143690156.

clicca qui

 

 

I nostri sponsor e partner

                      con il contributo di:

Loco75 Logo Nav 1

Fornitura tecnica

Contatti

Segreteria Viale Repubblica Cisalpina 3 - 20154 - Milano
Orari Da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19. Solo su appuntamento la mattina.
Telefono 02 33103998 e 391 7382833
E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.